Cenni storici del gioco del calcio

Il gioco del calcio è di origine italiana, precisamente fiorentina, e comporta all’inizio l’uso dei piedi e delle mani. Esso trova il massimo sviluppo e splendore all’epoca dei Medici. A Firenze il campo abituale dell’ epoca è Piazza S.Croce: i  giocatori  partecipanti alla gara sono 54, divisi in due schiere opposte. I 27 giocatori di ciascuna parte sono suddivisi in quattro gruppi: 15 innanzi, o coridori, 5 sconciatori, 4 datori innanzi, 3 datori a retro. Successivamente il gioco del calcio fiorentino va decadendo. Rimane in Inghilterra un gioco campagnolo dal quale prenderanno origine il rugbi e il football americano ( con pallone ovale ) e il “soccer” o calcio attuale, ripreso dagli italiani nel 1890 sulla scorta della nuova regolamentazione tecnica assegnata dagli inglesi ( Football Association ). Nascono allora le prime società calcistiche italiane: a Genova, a Torino, a Milano. In pochi anni questo sport conquista le folle e diventa il gioco più praticato e più attraente per le masse sportive. Per rimanere nella storia , è importante trascrivere questo passo importante ritrovato negli archivi del Comune di Pieve Tesino dall’ instancabile ricerca di Mario Marchetto.

 

uscinteseU. S. Cintese: (in senso orario) Antonio, Rolando, Ferruccio, Giandomenico, Celestino, Osvino, Paolo, Luigi (Attuale Presidente dell’U. S. Tesino), Fernando tesino68                                 U. S. Tesino – Castello Tesino 1968

 

Dal libro della regola numero 8 pagina 106.
“Li 7 ottobre 1781 Pieve Tesino, in canonica della Magnifica Comunità, loco solito. Convocata la Regola comandata la sera precedente dalli soliti Officianti Comuni Giurati, e ivi intervennero N° 49 persone. Riflettendo sopra il reclamo fatto ad istanza di Baldissera Fietta fu Paolo, Gio Batta fu Giacomo Brunello e Antonio fu Valentino Marchetto insieme in solito, che essi non intendono e non vogliono che i giocatori di palla in piaza scendano nelle loro case, nè sopra i coperti ( tetti ) delle loro case e nemmeno ad altre persone, per cogliere le palle che si siano fermate. Così li suddetti Huomini, in balotazione con voti favorevoli 40 e contrari 9 hanno stabilito e decretato che per detto reclamo dare la libertà al Massaro o ad altro Officiante della medesima Comunità di portarsi da un legale per risolvere sopra il gioco che è sempre stato comune in Piazza, cioè toccante gli due punti. Il primo punto: che non si vuole che niuno entri nelle loro case; in quanto al secondo punto: che niuno ascenda sopra i loro coperti. Antonio de Nervo Attuario scrisse”.

Da ciò possiamo dedurre che anche nel 18° secolo il gioco della palla, nella nostra Valle, era molto praticato e prevalentemente in Piazza, tanto da essere oggetto di decisioni restrittive della Regola.

 

driocastello                                              Centro Sportivo Driocastello cascatellaAlla Cascatella anno 1938: (in senso orario) Dorigato Danilo, Busana Italo, Sordo Egidio, Braus Bruno, Marchetto Tarcisio, Lucca Ivo, Balduzzo Saverio, Muraro Serafino, […], Sordo Luigi, Busana Antonio, […]

 

Avvicinandoci ai nostri tempi, troviamo traccia del vero gioco del calcio nella seconda metà degli anni 1920 quando il turismo iniziò ad interessare la nostra valle. Nella pubblicazione del 1926/27 “Società per il concorso forestieri” di Pieve Tesino troviamo pubblicato nell’ offerta turistica della valle il campo sportivo di Driocastello dove nell’ monima conca era stato realizzato un piccolo centro sportivo con campo da calcio, campo da tennis e tiro a segno. A Castello Tesino la bellissima Conca della Cascatella era diventata punto di riferimento per praticare il calcio, dove anche le frazioni di Castello si ritrovavano per giocare a pallone.
Durante la 2° Guerra Mondiale, furono distrutte tutte le infrastrutture sportive che erano un fiore all’occhiello del turismo nel Tesino. Si ricominciò a pensare al calcio solo verso la fine degli anni ’40 quando ogni piazza, ogni piccolo spazio era sufficiente per trovarsi e divertirsi, utilizzando anche come pallone un qualsiasi oggetto purché si potesse prendere a calci. Successivamente alcuni spazi furono utilizzati ed addottati per giocare a calcio ( Driocastello, Fontanabona e parco dell’ Hotel Tesino a Pieve; Oratorio a Castello; ” Prà Soravigo” a Cinte, mentre a Bieno nella zona dei prati Vela e successivamente in località Prati Magri ).
A Castello alcune disfide fuori paese, con una squadra denominata ” U.S. BROCON ” ebbero come meta il Primiero. Mario Mascarello, proprietario al tempo di un camion, trasformava il mezzo in una specie di pullman, sistemando sul cassone delle panchine per il trasporto dei giocatori.
Col passare degli anni i primi palloni di cuoio erano riservati alle partite ufficiali o alle classiche battaglie fra
” Scapoli e Ammogliati ” che si svolgevano dapprima in Driocastello successivamente nel campo di Fontanabona, pazientemente sistemato con carriole e carriole di terra da un gruppo di volontari di Pieve e nel campo dell’ oratorio di Castello tenuto efficiente dagli appassionati di questo sport.

 

femminile                           Torneo femminile a Cinte Tesino (Campo Soravigo) 1979/80 scapoliScapoli – Ammogliati Campo Oratorio Castello Tesino 1954

Negli anni 1968/71 esisteva già a Castello Tesino, una squadra di calcio denominata “U. S. Tesino – Castello Tesino” che partecipò al campionato C. S. I. della Bassa Valsugana vincendo nel 1968 il titolo di “Campione Bassa Valsugana”.
Nel 1970 è ancora iscritta allo stesso campionato posizionandosi al secondo posto, mentre, nel 1970/71 partecipa all’ultima edizione C. S. I.
I responsabili della squadra erano: Renzo Boso, Tiberio Busana, Roberto Dean.

articolo-broconPassano gli anni e il gioco del calcio diventa anche nel Tesino uno sport per giovani, sempre più praticato e seguito.
Anche le ragazze provavano a dilettarsi in questa attività sportiva; nel 1979 organizzano un torneo fra i paesi della conca che si svolge a Cinte, sul campo improvvisato “Prà Soravigo” con la vittoria delle ragazze di Castello.
Oltre all’impegno nei vari campionati Provinciali, la società è stata ed è presente in diversi tornei e manifestazioni sportive che aiutano i calciatori a crescere sportivamente e socialmente, instaurando nuove amicizie. Nel 1979 e nel 1980, partecipa ad un torneo categoria Esordienti sul campo sportivo di Strigno dove è presente anche una squadra dell’ U.S.Cintese che disputa solo la prima edizione, vinta dall’U.S.Tesino.
Nel 1986/87, con alcuni paesi della Valsugana, viene organizzato un campionato di zona per la categoria Pulcini dove l’U.S.Tesino partecipa giocando le partite sul campo sportivo di Strigno, per la mancanza di strutture adeguate nel Tesino.

I pulcini dell’U.S.Tesino si laureano campioni d’inverno imbattuti e sempre fuori casa

pulcini-storiciNel giugno del 1987, la società partecipa ad un torneo UEFA ( categoria Juniores ) a HAUTRAGE in Belgio dove sono presenti squadre provenienti dalla Spagna, dal Portogallo, dalla Francia, dall’Ungheria e naturalmente dal Belgio. Grande soddisfazione per la trasferta sia per i giocatori che per i dirigenti che inducono gli stessi a parteciparvi anche nel 1988 e nel 1993, nonostante le grosse difficoltà di reperire i fondi necessari.
Nei giorni 2 e 3 giugno 1990, in collaborazione con l’INTER CLUB NEROAZZURRI TRENTINI, organizza il 2° torneo “Memorial Maurizio Sordo” per la categoria Esordienti: partecipano le squadre dell’INTER, del PADOVA, del TRENTO, del VILLAZZANO e del TESINO.

belgio
La squadra degli allievi a Mesvin in Belgio nel 1993 
Giovanissimi dell’Inter al torneo

Un appuntamento d’ospitalità sportiva e ricreativa è stato nel periodo Pasquale del 1994. L’U.S. accoglie nel Tesino la Società Sportiva di Hautrage Belgio, che è presente con la squadra dei Pulcini e un gruppo di Veterani. Cinque giornate di piena allegria concluse con la disputa di due amichevoli tra i Pulcini e i Veterani delle due Società.

hautrageNel 1995 aderisce all’invito dell’A.C.Romano D’Ezzelino e disputa il 2° torneo “Primavera nel pallone”.
Lo stesso anno viene iniziata l’attività, indirizzata ai piccolissimi, denominata “Primi calci”. E’ affidata a Gecele Silvano, che sul campo di Pieve Tesino insegna le prime regole del gioco. Nel 1991, l’ 1 e il 2 giugno, avendo vinto il proprio girone della categoria Pulcini, partecipa alla 5° edizione della Festa del Pulcino che si disputa sull’ altopiano di Pinè. Nel 1994 organizza, sul campo di Castello Tesino, un torneo per la categoria Pulcini, al quale partecipano le squadre:
Romano d’ Azzelino- Valsugana- Villalagarina e Tesino.

primicalci-storiciScuola di calcio Primi calci, 1994
Festa del Pulcino, Bedollo, giugno 1991
Torneo Pulcini a Castello Tesino 1994

L’ 1 e il 2 giugno 1996, viene assegnata all’U.S.Tesino, l’ organizzazione della “10° Edizione Festa Provinciale del Pulcino”. Le partite vengono disputate sui campi di Bieno, Pieve e Cinte, suddivise in quattro gironi di quattro squadre ciascuno. 16 sono le squadre partecipanti: U.S.Anaune C.R.T. – U.S.Cadine/Lasino – A.C.Fiemme – U.S.Levico Terme – C.S.C.Oltrefersina – U.S.Povo Scania -G.S.Solteri – U.S.Borgo – A.C.Fersina – G.S.Ischia – U.S.Mattarello Calcio – U.S.Ortigara – G.S.Segonzano – U.S.Sorasas – A.C.Valsugana – U.S.Tesino.
Il torneo viene vinto dal Gruppo Sportivo dei Solteri. La Manifestazione si conclude a Castello Tesino, dove i piccoli campioni accompagnati dai Dirigenti e dalla banda sociale, sfilano per le vie del paese fino ad arrivare al teatro tenda. Qui si svolgono le premiazioni, presenti anche diverse autorità sportive e politiche.

10° Edizione Festa del Pulcino, 1996

Per ricordare Giorgio Centellegher di Roncegno, che fu tra i primi dirigenti ed il primo allenatore dell’A.C.Valsugana di Scurelle, è stato disputato sabato 24 e domenica 25 maggio 1997 il primo trofeo a Lui intitolato.
Al torneo riservato agli Esordienti ( classi 1985/86 ) partecipano 6 squadre:
A.C.Valsugana – U.S.Tesino – A.C.Monte Lefre – U.S.Ortigara – U.S.Telve – A.C.Borgo.
Sabato gli incontri di qualificazione:
Borgo-Tesino 0-3; Telve-Ortigara 2-0; Tesino-Monte Lefre 5-0;
Ortigara-Valsugana 0-4; Monte Lefre-Borgo 0-3; Valsugana-Telve 2-0.
Semifinali: Tesino-Telve 2-0; Valsugana-Borgo 3-2 ( ai rigori )
Finale: Valsugana-Tesino 1-4
Il Tesino ha vinto il torneo, seguito da Valsugana, Borgo, Telve, Ortigara, Monte Lefre.
Nella classifica dei capocannonieri ci sono quattro atleti a parimerito: si è scelto di premiare il più giovane, Mauro Delucca dell’A.C.Valsugana.

Ricordo di amici e collaboratori.
Non poteva mancare in questo sito, un doveroso riconoscimento e ricordo, di coloro che non sono più tra noi. Il loro entusiasmo, la loro dedizione alla nostra società, i loro insegnamenti, ci spronano a continuare sulla strada che anche loro, nei vari ruoli, hanno seguito per ottenere risultati sportivi e sociali.

Nasce l’U.S. Tesino

L’otto Aprile del 1979 al Bar Municipio di Castello Tesino, Franco Menato propulsore per la nascita del nuovo sodalizio, spiega le difficoltà incontrate nell’U.S.Spirale; ciò nonostante è stata un’ esperienza fortemente positiva, e vista la disponibilità dei singoli giocatori di continuare questa esperienza, auspica che tutto ciò possa proseguire. Ribadisce, comunque, che la nuova società deve essere espressione di tutta la valle, abbandonando i campanilismi, principio fondamentale per la sopravvivenza della nuova Società denominata: “UNIONE SPORTIVA TESINO”.

Nel primo verbale della Società troviamo quindi scritto: ” Viene istituita nei paesi di Cinte, Pieve e Castello Tesino la nuova Unione Sportiva denominata U.S.TESINO“.

Vengono scelti anche i colori sociali: Arancio Nero e definito il moto della Società: “ La volontà dei giovani per lo sviluppo della valle “.

SCARICA TUTTA LA STORIA IN FORMATO PDF clicca QUI